Informazioni personali

La mia foto
Ufficialmente sono un'impiegata commerciale e tento di vendere qualcosa all'estero in un orario part-time che di part-time ha solo il nome. Nell'altra parte del "time", quella immaginaria, sono una casalinga disperata. Vivo da sei anni nella Gcasa con un megalomane egocentrico spesso in preda a deliri di onnipotenza che qui chiamo amorevolemente Ego e recentemente pare sia diventato mio marito, una Ggatta convinta di essere la padrona di casa e un Ggatto suo sottoposto. Sono sociofobica, germofobica e un altro paio di cose che finiscono con "obica". Sono silenziosa, amo le parole ma uso scriverle piuttosto che buttarle al vento. Dico sempre esattamente quello che penso ma solo se interpellata - quando apro bocca o ho fame o sono incazzata. Maniaca dell'ordine, del pulito e in generale della perfezione ma non a casa mia. Sono una tormentata, per motivi non ancora chiari, ma non ho tempo per disperarmene perchè ho da correre alla ricerca della perfezione di cui sopra. Per i pregi purtroppo non c'è più spazio. Ballerina mancata, nella prossima vita vorrei fare l'ereditiera depressa, scrittrice nel tempo libero. Sogni nel cassetto: pubblicare un libro e girare il mondo.

martedì 24 aprile 2012

Forse

Due settimane fa, a seguito di un esame che non sto a specificare per rispetto di chi potrebbe leggere dopo aver mangiato, ci dissero che "quello" che sanguinava non era dove sarebbe potuto essere e sarebbero stati cazzi, ma in un posto molto più accessibile.
Gioia e sgomento. il nodo nel mio stomaco si è sciolto e con una positività assolutamente, col senno di poi, inopportuna abbiamo attesa fino ad un altro esame, mercoledì scorso, che sarebbe dovuto essere risolutivo.
Colonscopia, che vuoi che sia. fa pure rima.
E invece il colonscopatore ha deciso di perforargli il colon. così. operato d'urgenza, di nuovo.
il buio, di nuovo, il terrore, le lacrime, le ore nei corridoi a combattere con i grilli nel cervello. tutto di nuovo, tutto da capo.
Avrei voluto iniziare questo blog con tutt'altra flemma. quando ho scritto il post precedente pensavo, stupida me, che con quell'esame avrebbero cicatrizzato con il laser ciò che sanguinava e risolto una volta per tutte le questione, che mi sarei portata a casa il mio papà questo weekend e avrei dimenticato tutto.
Ci è andata bene, di nuovo. anzi meglio, forse, forse operando per riparare il "guasto" hanno risolto il problema. forse, si vedrà solo con il tempo. Lui è dieci giorni avanti rispetto al recupero dell'operazione di febbraio. forse ci siamo, forse. Non so come ho fatto a non crollare ma credo che vedere che questa volta mia madre non stava reggendo il colpo mi abbia fatto trovare ancora della forza nascosta chissà dove.
Ego quel giorno è scappato dall'ufficio ed è rimasto fino alla fine con me e mia mamma a barboneggiare nei corridoi dell'ospedale, cosa che ho apprezzato molto. il giorno dopo è arrivato prima di me, ha riordinato e mi ha preparato la cena. Quando ero ormai convinta che un herpes gli avesse infettato il cervello facendolo impazzire, sabato mattina mi ha dato subito segni di lucidità lamentandosi di non avere mutande pulite ed esplodendo poi domenica in un isterica crisi di capricci e urletti, togliendomi ogni dubbio.
Eh no, non sta mettendo i dentini. 
Sono tre mesi che lo trascuro, che esistiamo solo io e mio padre, che non vivo e non faccio vivere lui. Gli do dell'egoista ma in realtà l'egoista sono io che in tre  mesi non gli ho mai chiesto come stava e non mi sono mai preoccupata di fargli passare serate e weekend in tristezza a casa. Credo che non mi siano mai caduti i maroni con una tale potenza.
E così... sembra proprio che oltre ad andare a lavorare, sfruttare la pausa pranzo per fare la spesa, riordinare casa o fare fatture di un altro ufficio, correre in autostrada appena uscita dall'ufficio, farmi maltrattare da una versione nervosissima di mio padre, subire tutte le minchiate di mia madre, rispondere alle telefonate dei parenti con banalità inutili da propinarmi, organizzargli la cena, fare in modo che la casa non esploda di sporco e immondizia.... io debba anche preoccuparmi di come sta lui, imparare a programmare le lavatrici telepaticamente dall'ufficio, cucinare arrosti e lasagne, fargli un massaggino ai piedi ogni tanto, mostrargli il mio entusiasmo nel vederlo, aver voglia di uscire il sabato sera, farmi bella per lui, improvvisare performance sensuali tutte le sere, indossare langerie pulita, essere simpatica e... non dimagrire troppo (perché mi sta "sparendo il culo"- a forza di darne delle fette in giro, forse.)
e certo. andalè, andalè.  

8 commenti:

  1. Io sono sicura che Ego capirà, anche se fa i capricci. E che potrai recuperare le attenzioni quando sarai più tranquilla, cosa che a quel punto sarà un piacere fare ;)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. ... che cosa stai aspettando?

    V.

    RispondiElimina
  3. la situazione è un po' particolare... passerà ed è già positivo che tu ti ponga il problema.

    RispondiElimina
  4. pensa a te stessa e ai problemi tuoi...si arrangera' , tu se riesci non ascoltarlo proprio..ti abbraccio

    RispondiElimina
  5. Con mio marito ci siamo messi d'accordo che quando ha solo più disponibili 3 mutante me lo deve dire. se non me lo dice sono fatti suoi... In questo modo non è più rimasto senza... tranne quando non me lo dice...
    micol, gioia, come fai a leggere i commenti scritti del rosa psichedelico che hai scelto?

    RispondiElimina
  6. Sta mink...

    Oggettivamente potrebbe essere più comprensivo... comprendo solo in piccolissima parte il suo malumore ma chi sta veramente male sei tu, quindi mettesse da parte assurde pretese, in attesa che le acque tornino navigabili...

    p.s. sono tornato anche io

    Il Capitano

    RispondiElimina
  7. Puff puff puff.. eccomi, alla fine ce l'ho fatta a trovarti. Nuovo Blog eh? Bene bene, sono contenta (ora voglio vedere quanti mesi ci metto a cambiare il link sulla mia pagina).. e curiosa di sapere che nome gli darai.
    Senti sta roba qua sotto della catena: non ho mica capito cosa devo fare, cmq grazie per la menzione.
    Baci, Iena

    RispondiElimina
  8. A parte il fatto che per me tu sei e rimarrai un'esserina zuccherosa...

    Mia cara Micol,
    Ego probabilmente non capirà quanto sia pesante per te questo momento ma tu forse dovresti dirglielo in maniera chiara e semplice (ti consiglio di comprare dei colori a cera e del cartoncino colorato su cui disegnare i concetti che vorresti comunicargli) o di adottare la tecnica delle tre mutande che, personalmente, trovo geniale!

    Ti abbraccio tanto tanto,
    mi sei mancata :*

    RispondiElimina

Io sono per l'insulto libero quindi, dai, che è gratis.. e non c'è neanche il codice captcha!