Informazioni personali

La mia foto
Ufficialmente sono un'impiegata commerciale e tento di vendere qualcosa all'estero in un orario part-time che di part-time ha solo il nome. Nell'altra parte del "time", quella immaginaria, sono una casalinga disperata. Vivo da sei anni nella Gcasa con un megalomane egocentrico spesso in preda a deliri di onnipotenza che qui chiamo amorevolemente Ego e recentemente pare sia diventato mio marito, una Ggatta convinta di essere la padrona di casa e un Ggatto suo sottoposto. Sono sociofobica, germofobica e un altro paio di cose che finiscono con "obica". Sono silenziosa, amo le parole ma uso scriverle piuttosto che buttarle al vento. Dico sempre esattamente quello che penso ma solo se interpellata - quando apro bocca o ho fame o sono incazzata. Maniaca dell'ordine, del pulito e in generale della perfezione ma non a casa mia. Sono una tormentata, per motivi non ancora chiari, ma non ho tempo per disperarmene perchè ho da correre alla ricerca della perfezione di cui sopra. Per i pregi purtroppo non c'è più spazio. Ballerina mancata, nella prossima vita vorrei fare l'ereditiera depressa, scrittrice nel tempo libero. Sogni nel cassetto: pubblicare un libro e girare il mondo.

giovedì 23 ottobre 2014

Roba da Gatti: La new entry

Rettifico, la new entry pelosa farà il suo debutto in scena lunedì prossimo, con una settimana di anticipo. 
e niente, a casa nostra va così, immaginate un po' come sia facile accettarlo per una maniaca dell'organizzazione ossessivo compulsiva.
Ma andiamo con ordine. Il fracassamento di maroni da parte di Ego per aggiungere un pet alla nostra felice famigliola è ricominciato a pochi mesi dall'arrivo della Gigghi con la scusa di quanto si sentisse sola e si annoiasse lei nei momenti di nostra assenza. e io ero stata categorica, in questa casa due gatti mai. e appunto. La settimana in Sardegna è stata quella che mi ha fatto vacillare per la prima volta, da lì ho iniziato a pensarci seriamente, perchè effettivamente se fossero stati in due sarebbe stato diverso che saperla da sola. L'amicagattaraD. mi ha dato il colpo di grazia ripetendomi più volte che per la pelosa ci voleva un fratellino, che si sarebbe rilassata un po', divertita di più e sopratutto avrebbe avuto compagnia e io avrei potuto assentarmi più a cuor leggero. Da lì è stato un altenarsi di sentimenti a riguardo, un giorno pensavo che fosse la cosa più giusta da fare, il giorno dopo che fosse impensabile e nel mentre si facevano i primi di ottobre e io rimbalzavo le insistenze di Ego a dopo i santi, data in cui sarà un anno che la Gigghi è con noi nonchè mese del rinnovamento vaccini. Diciamo che Ego, tra i tanti difetti, oltre a quello di perseguire i suoi desideri nella maniera più istintiva e puerile possibile ad un uomo di anni trenta, ha anche quello di non saper rispettare per niente i sentimenti altrui. Sapeva che ci stavo pensando, sapeva che i miei dubbi erano ragioni più che valide, ma incurante di tutto ciò ogni giorno mi mandava foto di annunci di randagini, mi faceva vedere inserzioni di cucciolate e così via. E io, ormai lo avrete capito, sono tanto dura e impenetrabile con il resto del mondo quanto sono facilmente plasmabile dall'uomo a cui lavo le mutande. Finisce che un giorno sono in banca, attendo nervosamente il mio turno e vedo pubblicato in un gruppo di gattari su facebook l'annuncio di una ragazza di Verona che regala una cucciolata di quattro gattini tra cui due totalmente grigi stile certosino, che è proprio come lo avrei voluto io. Le scrivo immediatamente un messaggio per sapere se uno dei due grigi è maschietto, mi faccio raccontare la loro storia, lei mi tartassa di domande manco dovesse concedermi un mutuo e alla fine le dico di tenermelo che quando sarà svezzato lo prendiamo. Tutto nei dieci minuti di attesa in banca. quando risalgo in macchina e mi rendo conto di cosa ho fatto mi cade un mattone in testa. ma ormai è fatta. nei giorni subito successivi avrei potuto anche dirle che avevamo cambiato idea ma l'entusiasmo di Ego non mi ha lasciato ragionare con lucidità, intanto i giorni passavano e di certo non mi metto a fare un pacco del genere alla ragazza dopo che con grande fatica li ha piazzati tutti, tra l'altro bravissima che con tre gatti suoi a casa, di cui una con problemi motori, ha raccolto questi quattro cuccioli abbandonati, li ha allattati e svezzati e ora si farà dei bei kilometri per portarli alle famiglie affidatarie perchè vuole conoscerne ognuna personalmente, vedere le case e i gatti che già le abitano. tanto di cappello, insieme a dei colleghi si prende cura da anni di una colonia felina in cui bazzica la mamma di questi cuccioli solita a mollarli lì, l'unica a suo dire che ancora non sono riusciti a prendere per far sterilizzare. Trovare la data perfetta è stato un parto perchè io dopo la mutua di qualche settimana fa non mi osavo a chidere delle ferie, perchè Ego tanto per cambiare non puo' prendersi neanche mezza giornata e perchè la ragazza fa un lavoro che non ha festivi e feriali e con i turni, ma alla fine ci eravamo accordati per il weekend dei santi, caso particolare in cui Ego sarà a casa due giorni consecutivi grazie al sabato festivo. Stamattina la novità, Ego sarà a Verona per un corso e rientrerà alla sera, abbiamo quindi pensato di proporle questa soluzione, anche per evitargli il viaggio e, detto sinceramente, evitarmi io l'ansia da prestazione per l'ispezione della casa. gliel'ho chiesto convintissima di ricevere risposta negativa, era stata molto chiara fin da subito, voleva guardarci in faccia, vedere la casa, vedere la Gigghi, se li è allattati e non li molla ai primi che passsano. e invece mi ha detto di si, che si fida perchè ha capito che sono una brava persona. nonostante le abbia fatto un testone così sul pericolo di felv e fiv, nonostante le richieste quotidiane di fotine del cucciolo, nonostante la telecronaca in diretta mentre acquisto pappa prima fascia d'età tra gli scaffali del pet-shop, nonostante le ripetute rassicurazioni su quanto come e dove lo abbia visto bene il veterinario, lei mi ritiene una brava persona. a questo punto mi auguro solo che Ego non si spari una colossale figura di merda e mandi tutto all'aria. 
A livello logistico siamo abbastanza organizzati, le toilette nuove che vi mostrerò al prossimo appuntamento felino perchè sono orgoglioserrima di quanto sono belle, sono arrivate oggi col corriere. la pappa ce l'abbiamo. debbo solo più acquistare un saccone di lettiera e un dolce tipico del mio paese che vogliamo regalare alla ragazza e compagno giusto per farle un presente per quanto fatto. ho preso martedì e mercoledì prossimo di ferie, Ego starà a casa il giovedì, il venerdì andremo entrambi a lavorare e in base a come staranno le cose decideremo se chiudere ancora il piccolo in una stanza o meno e poi ci sarà nuovamente il weekend quindi potrò stare a casa con loro. La soluzione iniziale era diversa perchè i primi due giorni con lui eravamo a casa entrambi, in questo modo invece mi smazzerò io da sola tutta la parte più difficile e me la sto facendo sotto abbastanza, ma tanto alla fine va sempre così a casa nostra salvo rarissime occasioni tipo oggi che Ego porterà da solo la piccola a fare il vaccino. 
A livello psicologico appunto, non siamo per niente pronti. sarebbe più corretto parlare al singolare perchè Ego avendo l'età cognitiva di mio nipote IlGrande anni 5 - è sempre ponto a tutto. Non è l'aspetto personale a precoccuparmi - doppi soldi, doppio impegno, doppia ansia, doppie ciotole da lavare, doppia lettiera da svuotare e così via - ma unicamente quella che sarà la reazione della Gigghi. Lo facciamo per lei, o almeno io lo faccio soltanto per lei perchè per quanto l'idea di un batuffolino di 500 grammi da spupazzare a primo acchito mi alletti, non ne sento il bisogno e lei mi basta e mi avanza. ma lei come reagirà? Sto imparando a memoria i manuali di inserimento e non è la parte iniziale, normale, animale a preoccuparmi ma il dopo, perchè c'è accettazione e accettazione. temo che non sarà più felice com'è ora, temo che ci porterà rancore, temo che ne risenta anche fisicamente dato il suo carattere tanto sensibile, che vada in depressione, che smetta di mangiare, che le vengano delle reazioni cutanee, o l'alopecia felice. e ho paura che si perda quel rapporto esclusivo che abbiamo io e lei, quello fisico, di quelle coccole solo nostre all'ora di pranzo quando papà non c'è, ci guardiamo negli occhi senza dire niente, fusa a più non posso e nei giorni di sole lei mi ricambia pure le carezze con una zampetta sulla guancia. quell'altro, piccino, di sicuro verrà a saltellarci addosso e non sarà più la stessa cosa. Mi auguro con tutti il cuore che le cose vadano meglio di come le sto immaginando e che un giorno, come accade quasi sempre, rileggerò questo post sorridendo con quei due che se la dormono avvinghiati poco più in là!
Le presentazioni al prossimo martedì...
http://2.bp.blogspot.com/-9_UHA3VrbtU/U06VbtKO-7I/AAAAAAAABA8/R-OhTWKJi8Y/s1600/ROBA+DA+GATTI+LOGO.jpg

lo so che oggi non è martedì ma voi fate finta, ieri è stata una giornata terribile, abbiate pietà di me!

7 commenti:

  1. uuuu un altro micio sì sì sì! Io penso che andrà tutto bene, o almeno lo spero. Non conosco le dinamiche gattesche, ho sempre avuto un gatto alla volta. Ma se vuoi qualche dritta su come gestire cane e gatto sono pronta, ormai sono un'esperta.

    RispondiElimina
  2. ciao cara! secondo me dovrai stare attenta solo al piccolo all'inizio perché la ghiggi potrebbe darle delle belle graffiate... ma diciamo che piano piano faranno amicizia perché i cuccioli di animali hanno una simpatica costanza nel volere giocare che conquisterà anche la tua miciotta. Insomma, con un po, di pazienza andrà tutto bene e direi che se la dovranno vedere sopratutto loro.. tu starai a guardare cercando di evitare che se lo prenda anche per la collottola con delle belle morsicate... ma vai tranquilla che è tutto normale. Poi magari si adoreranno dall'inizio, chissà.. Non vedo l'ora di leggere i tuoi prossimi aggiornamenti! e qualche foto del piccolino!!!

    RispondiElimina
  3. Guarda...anche io ero dell'idea "due gatti mai" ....ma alla fine mi sono lasciata convincere e anche se "la grande" ci ha messo un po ad accettare "la piccola"... sono felice di aver cambiato idea. ...si fanno compagnia, giocano, uno spettacolo! !!

    RispondiElimina
  4. Faccio outing: non capisvo nulla di gatti, vige reciproco ignorarsi. Ma quanto amore materno c'è in questo fiume di parole e tensione? Sei così cristallina.

    RispondiElimina
  5. Non ho mai avuto due gatti assieme, sempre uno alla volta, però sono sicura che i due mici staranno benissimo perché tu sei la mamma più dolce e responsabile che potrebbero desiderare!
    A presto :*

    RispondiElimina
  6. Aaaarghhh...sono così felice per voi=) e poi viene dalla nostra città....oddio che bello*__*
    Un giorno dovrete tassativamente venire a trovarci;-P
    Noi prendemmo prima il maschio (già adulto) e gli aggiungemmo subito la sorellina (un mesetto e mezzo dopo). Ora che lui se n'è andato da un po' la vedo che lei sta bene e non credo ne prenderò altri. Vorrei tutt'al più un bau ma per ora fatico a campare io, per cui;-(

    RispondiElimina
  7. Potrebbe darsi che si capiscano subito, anche se ai miei gatti e' successo solo una volta, comunque presto o tardi la Gigghi si abituerà e diventeranno inseparabili. L'importante e' che tu abbia molta pazienza e lasci intatti gli spazi i giochi e soprattutto le coccole della Gigghi cosicché non si senta messa da parte, rimproverala sempre con dolcezza se dovesse cercare di mordere il piccolino e non manifestare preferenze... ma del resto penso proprio che tu lo sappia già. :-)

    RispondiElimina

Io sono per l'insulto libero quindi, dai, che è gratis.. e non c'è neanche il codice captcha!