Informazioni personali

La mia foto
Ufficialmente sono un'impiegata commerciale e tento di vendere qualcosa all'estero in un orario part-time che di part-time ha solo il nome. Nell'altra parte del "time", quella immaginaria, sono una casalinga disperata. Vivo da sei anni nella Gcasa con un megalomane egocentrico spesso in preda a deliri di onnipotenza che qui chiamo amorevolemente Ego e recentemente pare sia diventato mio marito, una Ggatta convinta di essere la padrona di casa e un Ggatto suo sottoposto. Sono sociofobica, germofobica e un altro paio di cose che finiscono con "obica". Sono silenziosa, amo le parole ma uso scriverle piuttosto che buttarle al vento. Dico sempre esattamente quello che penso ma solo se interpellata - quando apro bocca o ho fame o sono incazzata. Maniaca dell'ordine, del pulito e in generale della perfezione ma non a casa mia. Sono una tormentata, per motivi non ancora chiari, ma non ho tempo per disperarmene perchè ho da correre alla ricerca della perfezione di cui sopra. Per i pregi purtroppo non c'è più spazio. Ballerina mancata, nella prossima vita vorrei fare l'ereditiera depressa, scrittrice nel tempo libero. Sogni nel cassetto: pubblicare un libro e girare il mondo.

martedì 11 giugno 2013

Alla fine venerdì mi sono fatta fregare come ogni volta.

Sono andata a pranzo da mia nonna, dall'estetista a farmi sbarbare, sono arrivata a casa di buon umore, ho messo in ordine la Gcasa, imbottigliato il mio detersivo e poi ho avuto la malsana idea di fare una pausa sigaretta sul divano... e mi sono svegliata alle cinque. con l'affanno e il senso di colpa battenti ho impastato per le brioches, mentre l'impasto lievitava ho stirato un po', poi ho finito l'impasto e mentre lui faceva la seconda lievitazione mi sono lavata i capelli, poi ho fatto i cornetti e mentre loro lievitavano ancora ho messo apposto la poca roba stirata. Tre ore di caos totale e sono riuscita a fare quasi tutto, con la solita furia ceca senza godermi quello che faccio, esattamente come non volevo insomma. In ogni caso... mi gongolo nell'orgoglio più assoluto per il mio detersivo home/handmade. Nonostante la Mangerdistacippadi... ieri mi abbia detto che secondo lei il bicarbonato non serve a una mazza e quindi il mio detersivo non laverà. se non vuoi correre il rischio di vederti smontare in un baleno non parlare mai di niente con lei. Tolto questo, sono trememndamente soddisfatta dell'opera e credo che non ritornerò più a comprare il detersivo, migliorando di volta in volta. Qui di seguito riporto la mia "ricetta" scopiazzata dal web naturalmente: riduci a scaglie una saponetta, io ho usato la grattugia e va che è un piacere, versi un litro di acqua caldissima e due cucchiai di bicarbonato o "quantità per ora a me oscura" di soda solvay (la seconda, mi dicono appunto, smacchia molto di più). mescoli aiutando così a sciogliere il tutto. Lasci riposare dieci ore mescolando ogni tanto - io l'ho fatto la sera per il giorno dopo per cui non ho mescolato se non una giratina veloce al mattino prima di andare in ufficio. Poi allunghi con cinque litri d'acqua tiepida e imbottigli. Io l'ho passato con le fruste elettriche di plastica prima di imbottigliare, perché c'era qualche grumo, ed è venuto perfetto, bello spesso. Volendo perché sia più profumato si può mettere dell'essenza o degli oli essenziali, quelli che si trovano in erboristeria, in questo modo però l'aspetto della convenienza viene un po' a mancare perchè gli oli sono abbastanza cari e per sei litri d'acqua ce ne vuole parecchio. Facendolo la sera prima e allungando e imbottigliando il giorno dopo, non è stato per niente lungo da fare. Io mi sono messa lì con imbuto e bicchiere, ho riempito tutti i fustini vuoti raccolti da mia madre, risorsa inesauribile di qualsiasi tipo di cosa, ne ho sprecato un po' continuando a versare nell'imbuto dell'ultimo fustino non accorgendomi che fosse pieno, ho riempito ancora due bicchieri con il restante e il gioco era fatto.


L'ho subito provato lavando le lenzuola per smaltire quello nei bicchieri e, considerando che le lenzuola non sono comunque macchiate, il risultato mi è sembrato ottimo... con un buon profumo. La prossima volta mettero la soda solvay, che quando mi si mette in testa una cosa è la fine, e aggiungerò ancora un litro di acqua in più che secondo me puo andare bene. Avrò così sette litri di detersivo con una saponetta Sole da un euro, nonchè non inquinato non comprando altro plasticume e forse migliorie varie anche per la pelle privandomi di robe chimiche. 
La soddisfazione ha continuato con la pizza. Ho fatto l'impasto al telefono con mia madre, con una mano sola e l'ansia da prestazione perchè Ego era già arrivato e io avevo ancora di tuto da fare. Il giorno dopo non ho seguito nemmeno uno, uno di numero, degli step della lievitazione previsti dalla ricetta e nonostante questo è venuta una pizza meravigliosa che non ci volevo credere. Di solito l'impastatore ufficiale di casa è Ego, ed è rimasto sbalordito nel vedere con che facilità la pasta si stendeva sulla teglia con le mani e si è poi staccata dalla teglia una volta cotta. Come mia prima volta è stato un risultato sorprendente, la prossima conto di riuscire a stenderla in maniera più omogenea in modo che non sia spessa ne bordi e più fine al centro come questa volta e di perfezionare tutte le varie tecniche di condimento... pomodoro non acido, mozzarella non acquosa, eccetera...  
Le brioches invece sono state un fallimento totale, brutte esteticamente, dure dopo la cottura e senza zucchero. Ho usato la farina di manitoba come prevedeva la ricetta e secondo me è stata colpa sua, ho provato a cuocerle sia a forno ventilato che statico ma non cambia molto. Ora per due mesi tocca mangiarle ogni domenica e poi tenterò di nuovo mettendo almeno 200 grammi di zucchero, usando la farina OO e facendole più fini ma più grandi. 
Nonostante il tutto fatto alla rinfusa, ho passato il weekend ad auto idolatrarmi per i risultati, in fondo mi sarebbe bastato dormire un ora in meno per poter stirare tutto e avrei rispettato tutti i miei programmi. me ne renderò conto sopratutto domani quando sarà ora di stirare la solita montagna settimanale più quello che ho lasciato indietro dalla scorsa.

Dopo i venti giorni di folle rabbia in cui mi svegliavo ogni mattina con il piede di guerra, ho raggiunto una pace interiore quasi zen. In questi giorni spendo quasi tutti i miei pensieri nell'argomento soldi, la prossima settimana quando arriverà il mio stipendio prenoteremo le vacanze, a costo di rimanere senza un euro fino allo stipendio di Ego. perchè tanto ormai sappiamo che se non facciamo così alla fine non concludiamo nulla. Inutile provare a fare le cose bene, le tattiche intelligenti, i conti furbi.,.. c'è qualcosa che sbagliamo o semplicemnte c'è qualcosa di sbagliato. e non ho voglia di pensarci, c'è il sole, questo weekend andremo al mare, tra un po' arriva il mio compleanno, c'è il mio bel detersivo che mi guarda dallo scaffale. Tanti progetti in cantiere e sarò fortunata se riuscirò a realizzarne anche solo la metà. Un weekend a Gardaland, una giornata a Ondaland, cornici nuove per la Gcasa, le mie converse in arrivo da Zalando. Finchè non ci mettono un imposta anche sui sogni.

8 commenti:

  1. Ok, devo racimolare tutti i fustini vuoti. Voglio farlo anche io il detersivo!!! Così il mio compagno super ecologico sarà orgoglioso di me...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. fallo Ale, vedrai che soddisfazione :-)

      Elimina
  2. splendida conclusione :)
    voglio provare anch'io il super detersivo fai-da-te!

    RispondiElimina
  3. Mi hai convinto! Il sapone me lo faccio pure io..

    RispondiElimina
  4. io la pizza la impasto all'una/le due del pomeriggio e la stendo verso le sette di sera... e viene buonissima (a parte quando metto troppo acqua ma vabbè, dettagli) :D
    però che figata quella del detersivo fatto in casa... mi hai fatto venire voglia di provarlo anche a me!

    RispondiElimina
  5. spero che l'imposta sui sogni non arrivi perché ci è rimasto quasi solo quello... comunque l'idea del detersivo non è malaccio... mi sa che, appena raccatto dei flaconi liberi, ci provo anche io!

    RispondiElimina
  6. Ma vedi che fai un sacco di cose anche te? E mi fai pure il detersivo!! Ti stringo la mano sorella! Lo provo sicuramente appena ho tempo!:))))

    RispondiElimina
  7. ho fatto il detersivo: è venuto benissimo! l'ho addizionato con olio essenziale di lavanda (che avevo in casa), va che è una bomba! ora lo vuole anche mia mamma! :) grazie mille per il prezioso consiglio di questo utile fai-da-te!

    RispondiElimina

Io sono per l'insulto libero quindi, dai, che è gratis.. e non c'è neanche il codice captcha!